TAROCCHI GRATIS 📞+39 339 27 29 722 📞+39 366 45 86 448 ANCHE IN CHAT DI WHATSAPP (RISPOSTA IMMEDIATA) E TELEGRAM 📧 INFO@TAROCCHIGRATIS.INFO CARTOMANZIA GRATIS 📞 +39 339 27 29 722 📞 +39 366 45 86 448 Home » CON L'AUTOTUNE LA MUSICA È FINITA » CON L’AUTOTUNE LA MUSICA È FINITA

CON L’AUTOTUNE LA MUSICA È FINITA

TAROCCHI GRATIS 📞+39 339 27 29 722 📞+39 366 45 86 448 ANCHE IN CHAT DI WHATSAPP (RISPOSTA IMMEDIATA) E TELEGRAM 📧 INFO@TAROCCHIGRATIS.INFO CARTOMANZIA GRATIS 📞 +39 339 27 29 722 📞 +39 366 45 86 448 Home » CON L'AUTOTUNE LA MUSICA È FINITA » CON L’AUTOTUNE LA MUSICA È FINITA

TAROCCHI GRATIS NEWS Non si placa il dibattito su trapper e autotune. Il nuovo capitolo dello scontro ha coinvolto uno dei cantautori più amati d’Italia, Samuele Bersani. «Mi hanno girato un video dove a uno di questi semidei contemporanei della rima “cantata” si stacca l’autotune per qualche secondo sul palco, ed è stato come vedere […]

TAROCCHI GRATIS NEWS
Non si placa il dibattito su trapper e autotune. Il nuovo capitolo dello scontro ha coinvolto uno dei cantautori più amati d’Italia, Samuele Bersani. «Mi hanno girato un video dove a uno di questi semidei contemporanei della rima “cantata” si stacca l’autotune per qualche secondo sul palco, ed è stato come vedere Icaro colare a picco. Hai voglia a sbattere ali di cera», il suo j’accuse senza fare nomi e cognomi. Ma in molti hanno letto un riferimento a Sfera Ebbasta. Chi non ha bisogno di aiutini è Al Bano Carrisi, che a 80 anni continua a fare emozionare tutti con la sua potenza vocale. L’artista di Cellino San Marco non ha dubbi: «La “compu-music” è la fine della musica».

Al Bano, che idea si è fatto della polemica su trapper e autotune?
«Pensandoci bene, c’è sempre una polemica sul nuovo. È così da sempre e sarà così per sempre. È così dai tempi di Wagner e di Verdi o più recentemente dai tempi dei grandi cantanti come Claudio Villa, quando c’erano quelli che criticavano gli urlatori. E poi hanno criticato gli artisti venuti dopo e le nuove forme di musica. C’è sempre una critica, ma bisogna anche capire che la musica non è nient’altro che lo specchio del tempo che viviamo. E dobbiamo saperlo accettare in un modo o nell’altro».

Se c’è un blackout al suo concerto, lei continua a cantare senza grossi problemi. I trapper invece no: per loro è una tragedia, non possono fare più niente.
«Io sono un cantante di voce. Loro sono cantanti di computer. C’è una grossa differenza, la dimensione è diversa».

E cosa ne pensa di quella dimensione?
«Io penso che la musica purtroppo sia finita. Oggi infatti c’è la “compu-music”, ovvero la musica dei computer […] C’è anche da dire che molti critici dei cosiddetti cantanti urlatori li criticavano per aver ucciso la musica. Ma in realtà sono arrivati e sono passati. Ma c’è anche un ricordo mio personale, di quando incisi Nel sole. Alcune persone mi puntavano il dito contro: “Tu con questo tipo di musica non farai niente”. Poi quella canzone ha venduto 1 milione e 600 mila copie».

La moda dell’autotune è sbarcata anche al Festival di Sanremo: ormai fa notizia se un artista non lo utilizza.
«Il tempo è quello e non si cambia: vince la moda del periodo. Quanto dureranno non lo sanno neanche loro. Ormai basta un computer… La vera musica è a riposo, ma c’è una tradizione antica che rimane viva».

Negli ultimi giorni è diventato virale un video in cui lei si arrampica ad un traliccio durante un concerto, altro che trapper…
«Mi ha stupito l’improvvisa viralità, a dire il vero: sono sessant’anni che salgo sui tralicci (ride, ndr). Provo una gioia immensa: quando sei sul palco e canti, vai verso il pubblico e lo vedi, capisci se canta, ride o scherza. Quando sali sul traliccio c’è una sola direzione: mi sento un drone umano. Ma lo faccio da sempre, solo che ha fatto l’exploit solo adesso».

Tornando un attimo al Festival, si parla di un suo ritorno all’Ariston…
«Io non vedo l’ora. Lo dichiaro da sempre, io ho una malattia che si chiama “sanremite acuta”. Ho frequentato tanti grandi teatri, ma l’Ariston è l’Ariston». «Io amo la cultura religiosa, perché è dimostrato che la nostra religione offre la cultura vincente. La politica è caduta, il regno della Chiesa no. E sia chiaro che non è che il regno della Chiesa sia la perfezione, anche lì esistono persone che guardano alla convenienza».

Citando la politica, cosa ne pensa dell’azione di governo di Meloni? Lei in passato ci ha messo la faccia e si era detto fiducioso del primo ministro.
«Giorgia Meloni è straordinaria, è veramente straordinaria. Fa quello che vuole, lo fa come vuole, sa quello che deve dire e sa come difendersi. Io le auguro un lungo governo e di riuscire ad annullare queste divisioni politiche: l’Italia è una e tutti dovremmo comportarci come i figli nei confronti di una mamma».

Lei ha elogiato anche il presidente Berlusconi, ricordando la sua generosità e sottolineando che tante persone lo rivaluteranno.
«Sì, molti con il tempo lo rivaluteranno, davvero. Silvio Berlusconi per me è stato il novello Re Mida».
CONTINUA A LEGGERE SU TAROCCHI GRATIS

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna in alto