TAROCCHI GRATIS AL366-4586448 ANCHE IN CHAT DI WHATSAPP E TELEGRAM 📧 INFO@TAROCCHIGRATIS.INFO CARTOMANZIA GRATIS AL366-4586448 Home » ECCO LA CONFESSIONE DI ZAKARIA ATQAOUI L'ASSASSINO DI SOFIA CASTELLI » ECCO LA CONFESSIONE DI ZAKARIA ATQAOUI L’ASSASSINO DI SOFIA CASTELLI

ECCO LA CONFESSIONE DI ZAKARIA ATQAOUI L’ASSASSINO DI SOFIA CASTELLI

TAROCCHI GRATIS NEWS
Zakaria Atquaoui, il 23 enne reo confesso dell’omicidio della ex fidanzata Sofia Castelli, 20 anni, accoltellata a morte sabato all’alba nella sua abitazione di Cologno Monzese (Milano), è stato formalmente accusato di aver premeditato il delitto. Lo ha confermato all’ANSA il Procuratore di Monza Claudio Gittardi. L’aver rubato le chiavi del suo appartamento, l’essere entrato e nascosto per attenderla al rientro e l’aggressione mentre dormiva sono valsi al giovane un’accusa ancor più grave. Sofia Castelli, uccisa per gelosia. «Le ho sentite parlare di ragazzi e mi sono arrabbiato».

Il killer ha raccontato di essersi presentato a casa di Sofia la mattina di venerdì, con la scusa di portarle dei dolci, e di aver preso un mazzo di chiavi che era appeso al muro uscendo, vicino alla porta del suo appartamento, e che lui sapeva dove trovare. Poi ha detto di aver atteso che la giovane rientrasse dalla discoteca dove era andata con alcuni amici, dopo essersi introdotto in casa sua usando quelle stesse chiavi. Quando si è accorto che Sofia era rientrata senza alcun ragazzo, ma in compagnia della sua amica, è rimasto nell’armadio ad ascoltare la loro conversazione.

Ha detto di averle sentite chiacchierare della serata, nominare alcuni giovani, e di essersi per questo «ingelosito e arrabbiato», anche se lo ha dettagliato in modo abbastanza «confuso». Ha poi ammesso di aver atteso che Sofia dormisse profondamente e di averla aggredita, usando un coltello da bistecca preso dalla sua cucina, precisando che lei ha avuto «una reazione minima», perché è stata sorpresa nel sonno.
CONTINUA A LEGGERE SU TAROCCHI GRATIS

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna in alto