TAROCCHI GRATIS AL339-2729722 CARTOMANZIA GRATIS AL339-2729722 Home » AGNELLI » I GENITORI ASSENTI PERDONO I FIGLI

I GENITORI ASSENTI PERDONO I FIGLI

👉💙SOSTIENICI💙

TE LO DO’ IO GIANNI AGNELLI! – UN MARITO COCAINOMANE CHE LA CORNIFICA PUBBLICAMENTE PER TUTTA LA VITA, UN FIGLIO CHE SI SUICIDA GETTANDOSI DA UN PONTE “CONTRO” IL PADRE CHE NON LO AMAVA E UNA MADRE ASSENTE, UNA FIGLIA CHE LA SBATTE IN TRIBUNALE PER L’EREDITÀ – L’AMICA MARINA BRANCA: “GIANNI E MARELLA ERANO DUE GENITORI ASSENTI. ANCHE IO NON ERO COSÌ PRESENTE. IL NOSTRO CENTRO ERA USCIRE E DIVERTIRSI. I FIGLI RESTAVANO A CASA CON SIGNORINE E GOVERNANTI”

Verso la fine del documentario prodotto dalla Hbo le parole di Lapo Elkann, figlio di Margherita Agnelli e nipote di Gianni l’ Avvocato, nella loro asciuttezza suonano agghiaccianti: “Penso che sia stato un nonno meraviglioso, ma non avrei voluto essere suo figlio”.

Anche la testimonianza sullo zio e sul cugino Edoardo di Lupo Rattazzi, figlio di Susanna Agnelli, è asciutta e agghiacciante: “Eravamo a pranzo, a un certo punto Edoardo ha detto qualcosa, e Gianni gli rispose male, sprezzante. E io pensai che non riuscivo a credere che dopo tanti anni quel rapporto fosse così logorato dalla mancanza di rispetto del padre verso il figlio”.

Tre giorni dopo, il 15 novembre 2000, Edoardo Agnelli si suicidò lanciandosi nel vuoto da un viadotto alto 80 metri sull’ autostrada Torino-Savona. Giulio Marconi, per una vita cuoco dell’ avvocato, sembra il più umano: “Allora io gli ho fatto, Avvoca’, dico, un po’ di colpa ce l’ ha pure lei. Edoardo per me era un ragazzo bravissimo, il padre ha avuto poca fiducia in lui, e lui vedendosi così ha fatto quello che ha fatto”.

Tiberto Rodrigo Brandolini d’ Adda, detto Ruy, figlio di Cristiana Agnelli e cugino di Edoardo, sembra emozionato: “Gianni era totalmente devastato. Mi disse: ‘Dio, devi avere un sacco di coraggio per buttarti giù da quel ponte’. Sì, Edoardo lo fece per mostrare al padre che aveva coraggio”.

Nicola Caracciolo di Castagneto, fratello di Carlo e Marella, cognato dell’ Avvocato, si commuove: “Dopo il funerale di Edoardo, nella casa di Villar Perosa, Gianni mi disse: ‘Non dovremmo mai dimenticare che questa è stata una casa felice, ma questa adesso non è una casa felice'”. La sorella Cristiana: “Vidi Gianni un mese dopo la morte di Edoardo. Era molto, molto triste. Non lo riconobbi”. Dopo il suicidio del figlio che non aveva saputo amare, l’ Avvocato sprofonda in una invincibile depressione e nella malattia che lo ucciderà due anni dopo, il 24 gennaio 2003.

La vita di Gianni da giovane? “Ragazze, ragazze, ragazze”, sorride compiaciuta Maria Sole. “Un seduttore irresistibile”, chiosa Diane von Fürstenberg, ex moglie di Egon figlio di Clara Agnelli. Un matto, insinua Carlo De Benedetti: “Guidava come se stesse gareggiando in Formula 1 e invece era nel centro di Torino”. Una vita erotica turbolenta ma alla luce del sole, almeno davanti agli occhi di amici e amiche che nel documentario di Hooker non lesinano particolari indiscreti e piccanti fino al cattivo gusto.

La stilista Jackie Rogers racconta della sera che in un albergo lo trovò a letto con Anita Ekberg, non si capisce bene se prima o dopo il matrimonio con Marella Caracciolo, ma forse si capisce. Sicuramente quel matrimonio fu preceduto da una relazione di cinque anni con la scoppiettante Pamela, un anno più grande di Gianni ed ex moglie del figlio di Winston Churchill.

Pamela lo voleva sposare ma non piaceva alle sorelle dell’ Avvocato, e forse nemmeno a lui. La relazione costa cara all’ Avvocato, in tutti sensi. Copre d’ oro la ragazza, regalandole un attico nella zona più prestigiosa di Parigi e mettendole a disposizione servitù e autista. Ma una sera del 1952, in Costa Azzurra, Pamela lo sorprende con la giovane Anne-Marie d’ Estainville e dà in escandescenze, notificando alla ragazza, e senza abbassare la voce, di ritenerla “una puttana”.

Gianni e Anne-Marie, raccontano divertiti gli amici, decidono di sottrarsi all’ ira funesta dell’ ex nuova di Churchill e futura ambasciatrice americana a Parigi. Saltano sull’ auto sportiva del giovane miliardario e vanno a tutta velocità incontro al grave incidente stradale (sette fratture alla gamba) di cui Agnelli porterà i segni per il resto della vita. “Era pieno di droga”, racconta l’ amico fedele toccandosi platealmente il naso, come a dire che Agnelli tirava di cocaina quando ancora a Torino si facevano di bagna cauda.

A questo punto le sorelle decidono che la donna giusta per Gianni è Marella, sei anni più giovane di lui e da anni, dicono, innamoratissima dello scapestrato dongiovanni, come lo definisce la sorella Maria Sole, la quale giura che, a dispetto della celebre massima dell’ Avvocato secondo cui innamorarsi è roba da cameriere, anche lui “era molto innamorato” della donna che sposò nel 1953. Se a casa Agnelli non impazzivano per Pamela, a casa Caracciolo non apprezzano Gianni: “A mia madre non piaceva, non pensava che fosse un buon marito. Disse che era un tipo terribile”, ricorda Nicola Caracciolo…

Si ipotizza che Agnelli avesse annoverato tra le sue prede sessuali anche la first lady americana Jackie Kennedy durante una vacanza da cartolina a Capri nell’ estate 1962, con l’ Avvocato (già sposato e padre di due figli) a fare i fastosi onori di casa e John Kennedy a Washington a occuparsi dei destini del mondo (ed eventualmente anche di quelli della sua amante Marilyn Monroe, morta suicida proprio in quelle settimane)…

Qui l’ allegra fiducia di Maria Sole sulle inclinazioni non fraterne del fratello verso casa Kennedy (“Non ne sarei sorpresa”) consegna allo spettatore un senso di sospensione tra l’ ammirazione e il disprezzo. E comincia a proiettare il racconto verso il finale tragico. Questa gioventù dorata che pensa solo a divertirsi viene dipinta in modo impietoso dagli stessi reduci. Parla l’ amica Marina Branca: “Gianni e Marella erano due genitori assenti. Anche io non ero così presente. Il nostro centro era uscire e divertirsi. I figli restavano a casa con signorine e governanti”.

“Non erano una famiglia normale”, dice una voce fuori campo. Racconta De Benedetti, socio e amministratore delegato della Fiat nei famosi cento giorni del 1976: “Ero dall’ Avvocato, a un certo punto si apre una porta ed entra Margherita, completamente rasata. Agnelli la guarda e dice: ‘Ma che hai fatto?’. E lei: ‘Almeno ti sei accorto di me'”.

Lascia un commento

error: Content is protected !!
Scroll to Top