TAROCCHI GRATIS 📞+39 339 27 29 722 📞+39 366 45 86 448 ANCHE IN CHAT DI WHATSAPP (RISPOSTA IMMEDIATA) E TELEGRAM 📧 INFO@TAROCCHIGRATIS.INFO CARTOMANZIA GRATIS 📞 +39 339 27 29 722 📞 +39 366 45 86 448 Home » IL FANTASMA DELL'ATTACCO AD ISRAELE » IL FANTASMA DELL’ATTACCO AD ISRAELE

IL FANTASMA DELL’ATTACCO AD ISRAELE

TAROCCHI GRATIS 📞+39 339 27 29 722 📞+39 366 45 86 448 ANCHE IN CHAT DI WHATSAPP (RISPOSTA IMMEDIATA) E TELEGRAM 📧 INFO@TAROCCHIGRATIS.INFO CARTOMANZIA GRATIS 📞 +39 339 27 29 722 📞 +39 366 45 86 448 Home » IL FANTASMA DELL'ATTACCO AD ISRAELE » IL FANTASMA DELL’ATTACCO AD ISRAELE

TAROCCHI GRATIS NEWSLo chiamano il fantasma ma esiste e lo ha dimostrato in queste ore. Mohammed Diab al Masri, nome […]

TAROCCHI GRATIS NEWSLo chiamano il fantasma ma esiste e lo ha dimostrato in queste ore. Mohammed Diab al Masri, nome di battaglia Mohammed Deif, è l’artefice dell’assalto senza precedenti a Israele. Un’operazione preparata da un uomo che restando nell’ombra ha trasformato un pugno di guerriglieri in una formazione temibile. Sulla cinquantina, il capo del braccio militare di Hamas è nato a Khan Younis, a Gaza, e nonostante le magre risorse della sua famiglia ha potuto studiare. Biologia, dicono. È cresciuto sotto l’ala di Yaya Hayyash, l’ingegnere, il coordinatore degli attacchi suicidi a metà degli anni ‘90, e quando il suo mentore è stato ucciso ha compiuto un passo dopo l’altro per sostituirlo. La sua prima specialità sono state le prese di ostaggi, azione ripetuta in queste ore su scala massiccia. Sono pedine dall’alto valore negoziale, vite da scambiare. Successivamente si è dedicato alla costruzione dell’arsenale della fazione. Le Brigate Ezzedine al Qassam, la punta di lancia del movimento, sono passate dai Kalashnikov ai droni e ai razzi. Il network ha importato materiale bellico attraverso i tunnel clandestini collegati al territorio egiziano, linfa vitale anche per merci civili.

I fedayn hanno ingaggiato palestinesi all’estero che potessero assisterli, ne hanno coinvolti altri nella Striscia, hanno sfruttato l’appoggio dell’asse sciita, Iran ed Hezbollah libanese. Un coordinamento costante sul piano militare e politico. I due alleati hanno fornito istruzioni, materiale, pezzi mentre i loro istruttori hanno dato consigli. Al centro sempre il fantasma. Israele non gli ha dato tregua. Gerusalemme, all’epoca di Arafat, ne aveva chiesto l’arresto e, per un certo periodo, era stato messo in una residenza sorvegliata dall’Autorità. Iniziativa del suo vicino di casa e conoscente, Mohamed Dalhan, per lungo tempo responsabile della sicurezza. Un soggiorno di pochi mesi che non ha interrotto la sua carriera diventando il most wanted numero uno degli gli israeliani. Che hanno provato a farlo fuori in ogni modo. Dal cielo con strike di elicotteri sulle vetture che lo trasportavano – 2001 e 2002 -, con infiltrati, con il ricorso a spie.

Le biografie citano sei-otto episodi di azioni mirate per ucciderlo, lui però è sempre scampato riportando ferite serie. Nessuno ne è certo, però c’è chi dice abbia perso un occhio e una mano o che cammini a fatica per le conseguenze di una scheggia. Altri ipotizzano danni maggiori ma nulla che abbia compromesso importanza e status. Nell’agosto del 2014 hanno bombardato la sua abitazione, raid costato la vita ad una delle mogli e ad una figlia. Sono caduti anche alcuni dei suoi collaboratori, il numero due al Jabaari o i procacciatori di materiale bellico assassinati dal Mossad negli Emirati, in Tunisia e Malaysia. Successi tattici che non hanno inciso però sulle Ezzedine al Qassam organizzate per sopravvivere ad una eventuale decapitazione dei vertici. La caccia continua e la lunga esperienza di anni di conflitto lo hanno costretto a misure di sicurezza rigorose. Di lui gira solo una vecchia foto, niente telefono, solo corrieri e messaggi registrati postati sul web. Nel primo audio noto, nel 2003, prometteva agli avversari: “La vostra vita sarà un Inferno”. Vent’anni dopo lo ha dimostrato in modo brutale.CONTINUA A LEGGERE SU TAROCCHI GRATIS

Torna in alto