TAROCCHI GRATIS AL366-4586448 ANCHE IN CHAT DI WHATSAPP E TELEGRAM 📧 INFO@TAROCCHIGRATIS.INFO CARTOMANZIA GRATIS AL366-4586448 Home » ATTUALITÀ » JUVENTUS FUORI DALLA SERIE A

JUVENTUS FUORI DALLA SERIE A

👉💙SOSTIENICI💙

JUVENTUS, COSA PUÒ SUCCEDERE ADESSO? ZILIANI: “NON GIOCHERÀ IN SERIE A L’ANNO PROSSIMO”. “SARANNO I GIUDICI A DETERMINARE LA NUOVA SANZIONE, MA QUEL CHE È CERTO È CHE IL PROSSIMO CAMPIONATO LA JUVENTUS NON LO GIOCHERÀ IN SERIE A” SPIEGA IL GIORNALISTA.

Fonte Blitz Quotidiano

Dopo la penalizzazione di 15 punti inflitti alla Juventus nell’ambito del caso plusvalenze e le motivazioni della Corte d’Appello Federale, il giornalista Paolo Ziliani ha delineato la situazione del club bianconero e gli eventuali rischi.

“Cosa succede adesso? A grandi linee questo. Avendo chiarito i giudici che la Juventus, per quanto attiene al processo-plusvalenze, ha commesso illecito sportivo alterando la regolarità dei campionati, anche il processo manovre-stipendi darà identico esito. La sanzione sarà però più pesante per la maggiore gravità dell’illecito commesso, addirittura in due diverse stagioni, con la partecipazione attiva dei due massimi dirigenti (Agnelli e Paratici) e di 40 tesserati, 23 nel 19-20 e 17 nel 20-21”, scrive su Twitter Ziliani.
Ziliani: “La Juventus può già considerarsi in B”

“Saranno i giudici a determinare la nuova sanzione, ma quel che è certo è che il prossimo campionato la Juventus non lo giocherà in serie A – spiega Ziliani -. Dalla retrocessione in serie B o in serie C fino a un provvedimento di radiazione è tutto possibile vista la gravità dei reati. I 40 tesserati saranno squalificati in automatico per almeno un mese. Sul capo della Juventus si abbatterà una tempesta di ammende che potrebbe superare, e non di poco, il centinaio di milioni. Il titolo conquistato nel 2020 in piena illiceità potrebbe essere revocato. Già alla luce delle motivazioni rese note oggi in cui la Corte sostiene che “i bilanci della Juventus semplicemente non sono attendibili” forte della montagna di prove documentali ricevute da Torino, la UEFA escluderà la Juventus dalle coppe per alcune stagioni. Quante? I reati amministrativi – prima ancora che sportivi – commessi sono spaventosi; la Juventus poi non ha ancora abbandonato il progetto Superlega per cui la UEFA attende abiura e scuse. Realisticamente l’esclusione dalle coppe potrebbe essere di almeno 2-3 anni. Un’esclusione che scatterebbe solo al momento del primo piazzamento della Juventus nei primi 6 posti del campionato di serie A, quindi non prima di 2-3 anni nel caso di retrocessione in B o in C. Ciò significa addio all’Europa per almeno 6-7 anni”.
“E’ la giusta fine per Agnelli”

“Sullo sfondo si profila poi sul fronte sportivo un terzo processo, quello sulla “partnership con società terze”, e cioè i rapporti opachi e spesso illeciti che la Juventus ha intessuto negli anni con alcuni club di serie A minando il principio dell’equa competizione – aggiunge ancora -. Secondo gli inquirenti, grazie ai rapporti illeciti intrattenuti con Atalanta, Sassuolo, Udinese, Sampdoria, Empoli ed altri club di B e C, oltre che esteri, la Juventus ha di fatto giocato campionati “a squadre” alterando la regolarità delle competizioni. Poichè sono gli stessi dirigenti juventini a parlare di “partnership decennali” con i club amici, per non dire di Paratici che dichiara di aver fatto mercato per loro “da sempre”, anche i titoli vinti negli anni antecedenti al 2020 potrebbero diventare sub judice”.

Ziliani conclude: “Come dico da tempo, una Juventus in serie B o in serie C determinerà la fuga da Torino dell’80% dei giocatori componenti la rosa di prima squadra. Fuga che lo stesso club incentiverà non potendo più permettersi di sostenere stipendi da 3-4-5 e più milioni. E questa è la giusta fine del club di Agnelli che dal 2011 per 12 anni ha falsato e avvelenato il calcio italiano, ha vinto barando, ha spento la passione di milioni di persone. Era un cancro ed era sotto gli occhi di tutti. Ma l’hanno lasciato crescere. Osannato”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna in alto