TAROCCHI GRATIS AL366-4586448 ANCHE IN CHAT DI WHATSAPP E TELEGRAM 📧 INFO@TAROCCHIGRATIS.INFO CARTOMANZIA GRATIS AL366-4586448 Home » LA KETAMINA È EFFICACE PER CURARE I DISTURBI PSICOLOGICI » LA KETAMINA È EFFICACE PER CURARE I DISTURBI PSICOLOGICI

LA KETAMINA È EFFICACE PER CURARE I DISTURBI PSICOLOGICI

TAROCCHI GRATIS NEWS

SOFFRITE DI DEPRESSIONE? DROGATEVI – UN NUOVO STUDIO DIMOSTRA COME LA KETAMINA SIA EFFICACE PER CURARE I DISTURBI PSICOLOGICI – FINO AD OGGI, QUANDO I PAZIENTI NON RISPONDONO AI FARMACI ANTIDEPRESSIVI E GLI PSICHIATRI NON SANNO CHE PESCI PRENDERE, SI PROCEDE CON L’ELETTROSHOCK (EFFICACE MA MOLTO DEBILITANTE) – I NUOVI RISULTATI DIMOSTRANO COME LA POTENTE DROGA PSICHEDELICA, SE SPARATA IN VENA IN UN AMBIENTE CONTROLLATO AIUTA I PAZIENTI CHE SOFFRONO DI DEPRESSIONE…

La ricerca di questa settimana presenta prove solide mai presentate fino ad ora che la ketamina è efficace almeno quanto la terapia elettroconvulsivante per i pazienti con depressione resistente al trattamento che non hanno psicosi. Scrive il NYT. Un nuovo studio suggerisce che, per alcuni pazienti, l’anestetico ketamina è una promettente alternativa alla terapia elettroconvulsivante, o ECT, attualmente una delle terapie più rapide ed efficaci per i pazienti con depressione difficile da trattare. Lo studio è il più grande confronto testa a testa tra i due trattamenti. I pazienti che non rispondono ad almeno due antidepressivi – circa un terzo dei pazienti depressi – si trovano in una condizione che i medici definiscono “resistente al trattamento”. Le loro opzioni di sollievo sono limitate.

I medici di solito raccomandano fino a 12 sedute di TEC, che ha un’efficacia consolidata, ma è macchiata dallo stigma dell’abuso storico e dalle spaventose immagini hollywoodiane di persone legate a tavoli che si contorcono in agonia. Oggi la TEC è molto più sicura e viene eseguita in anestesia generale, ma la procedura rimane sottoutilizzata. Lo studio, pubblicato mercoledì sul New England Journal of Medicine, ha rilevato che la ketamina, somministrata per via endovenosa, è efficace almeno quanto la TEC nei pazienti con depressione resistente al trattamento che non presentano psicosi. (Per le persone con psicosi, la ketamina, anche a dosi molto basse, può peggiorare i sintomi). “I risultati sono stati molto sorprendenti per noi”, ha dichiarato il dottor Amit Anand, autore principale dello studio e professore di psichiatria alla Harvard Medical School che studia i disturbi dell’umore al Mass General Brigham. Il suo team aveva inizialmente ipotizzato che la ketamina sarebbe stata efficace quanto la TEC. Invece, ha detto il dottor Anand, hanno scoperto che la ketamina aveva un’efficacia addirittura superiore.

Questo dato è significativo anche perché alcuni pazienti non si sentono a proprio agio con i potenziali effetti collaterali della TEC, come la perdita temporanea della memoria, il dolore muscolare o la debolezza. (In rari casi può provocare lacune permanenti nella memoria). Lo studio, sponsorizzato dalla Cleveland Clinic Foundation, dimostra che la ketamina è più facile da somministrare, con meno correzioni durante il trattamento e meno abbandoni da parte dei pazienti, ha detto il dottor Anand. “Ma soprattutto, dimostra che la TEC, come previsto, è associata a problemi di memoria, mentre la ketamina non lo è”. Anche la ketamina per via endovenosa ha effetti collaterali, come la dissociazione, ma “di solito non è un’esperienza spiacevole per i pazienti”, ha detto il dottor Anand. Studi precedenti hanno dimostrato che entrambi i trattamenti possono essere efficaci nei pazienti con depressione difficile da trattare, ma la ricerca ha esaminato principalmente le due terapie in modo indipendente. Il dottor Roger S. McIntyre, professore di psichiatria e farmacologia all’Università di Toronto e non affiliato allo studio, lo ha definito “innovativo”.

“Si tratta di un tipo di dati pragmatici, rigorosi, randomizzati e relativi al mondo reale che sono solidi e molto significativi dal punto di vista clinico”, ha detto il dottor McIntyre. I ricercatori hanno assegnato in modo casuale la ketamina per via endovenosa o la TEC a 365 pazienti. Quasi la metà ha ricevuto la ketamina due volte alla settimana, mentre gli altri hanno ricevuto l’ECT tre volte alla settimana. Al termine delle tre settimane di trattamento, il 55% dei pazienti del gruppo ketamina e il 41% di quelli del gruppo ECT hanno riportato una riduzione dei sintomi pari o superiore al 50%. Una limitazione dello studio è che il numero di trattamenti ECT potrebbe non essere stato sufficiente perché il periodo di trattamento era di sole tre settimane, ha dichiarato il dottor Daniel F. Maixner, direttore del programma ECT presso la Michigan Medicine dell’Università del Michigan, che non era affiliato allo studio.

I soggetti dello studio hanno iniziato il loro ciclo di ECT ricevendo correnti elettriche su un lato del cervello, il che potrebbe richiedere 10 o 12 sessioni, rispetto alle nove utilizzate nello studio, ha aggiunto. “Se c’è un ulteriore miglioramento, si continua”, ha detto il dottor Maixner. I pazienti che iniziano in modo bilaterale, stimolando entrambi i lati allo stesso tempo, spesso hanno bisogno di meno sedute. Se i pazienti avessero completato un maggior numero di sedute di ECT, una percentuale maggiore di loro avrebbe potuto rispondere al trattamento, ha detto il dottor Anand, ma ciò avrebbe anche causato un maggior numero di effetti collaterali. Un piccolo numero di pazienti in entrambi i gruppi (meno del 33%) è andato in remissione, cioè ha avuto solo sintomi depressivi lievi. Questo suggerisce che sarebbero necessari ulteriori trattamenti per mantenere il sollievo dei pazienti. La prosecuzione del trattamento, tuttavia, comporta ulteriori rischi. Con la ketamina, per esempio, un trattamento più lungo “aumenta la probabilità di dipendenza dal farmaco e di effetti avversi cognitivi, tra cui dissociazione, paranoia e altri sintomi psicotici”, ha scritto il dottor Robert Freedman, professore di psichiatria all’Università del Colorado, in un editoriale pubblicato insieme allo studio.

I dati precedenti suggeriscono che i tassi di remissione della TEC possono essere molto più elevati (spesso almeno il 60%), ma questi studi potrebbero aver incluso una percentuale maggiore di pazienti ricoverati e di pazienti con depressione psicotica, per i quali la TEC sembra essere particolarmente efficace. Ricercatori e medici utilizzano la ketamina endovenosa off label perché non è stata approvata dalla Food and Drug Administration per il trattamento dei disturbi dell’umore, a differenza della cugina esketamina, nota anche come Spravato, che viene somministrata per via nasale. Tra i medici, la ketamina per via endovenosa è ampiamente considerata altrettanto o più efficace dell’esketamina per il trattamento della depressione resistente, ha detto il dottor Anand.

Purtroppo, poiché la ketamina per via endovenosa è un farmaco generico, “è improbabile che qualcuno cerchi di ottenere l’approvazione della F.D.A. per renderla più rimborsabile dagli assicuratori”, ha aggiunto. Più avanti nel corso dell’anno, il Dr. Anand e i suoi colleghi recluteranno pazienti per uno studio più ampio che confronterà l’ECT con la ketamina per via endovenosa in 1.500 pazienti depressi e con tendenze suicide acute, la maggior parte dei quali saranno probabilmente ricoverati. Inoltre, il Dr. Anand ha dichiarato che si valuterà come gli effetti differiscono a seconda delle fasce d’età. Il Dr. Maixner, del Michigan Medicine, ha detto che la ricerca suggerisce che la ketamina per via endovenosa, che anche lui ha usato per trattare i pazienti, può avere alcuni benefici emergenti e forti per la depressione difficile da trattare, che “dà alle persone delle opzioni”.

CONTINUA A LEGGERE SU TAROCCHI GRATIS

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna in alto