TAROCCHI GRATIS AL366-4586448 ANCHE IN CHAT DI WHATSAPP E TELEGRAM 📧 INFO@TAROCCHIGRATIS.INFO CARTOMANZIA GRATIS AL366-4586448 Home » LA SINISTRA PERDERÀ PER MOLTI ANNI » LA SINISTRA PERDERÀ PER MOLTI ANNI

LA SINISTRA PERDERÀ PER MOLTI ANNI

TAROCCHI GRATIS NEWS
Tornoda qualche giorno in Francia con tre aneddoti che aiutano a mettere a fuoco perché la sinistra non vincerà o non tornerà a vincere per molti anni, in questo e in altri Paesi democratici. Il tema è il «politicamente corretto»: niente di nuovo, dunque.

Sono anni che se ne parla e – confusamente prima, più chiaramente poi – si intrasente che lì si annida il seme dell’autodistruzione. Sempre della sinistra, dico. I fatti semplici della vita quotidiana aiutano a capire e animano le discussioni, quindi eccoli.

Aneddoto numero uno. In una celebre e dalle famiglie ambitissima scuola di danza del Marais, quartiere roccaforte delle élite progressiste parigine, i genitori dei piccoli danzatori hanno fatto richiesta al dirigente scolastico che gli insegnanti non istruiscano bambini e adolescenti ai giusti movimenti toccandoli con le mani, ma con un bastone.

La ragione, avrete forse intuito, è che toccare un bambino o una bambina per accompagnare, poniamo, un «pliage» può configurarsi come molestia sessuale. Il fatto che i genitori qui riuniti abbiano così votato non sarebbe ancora niente, in questa storia. L’acme narrativo arriva quando il collegio dei docenti si riunisce: ballerini celeberrimi ora non più in così giovane età, ex etoiles, maestri e maestre di danza formatisi in decenni di terribili sacrifici, riconosciuti come i migliori nel Paese.

Si riuniscono, quindi, e convengono immagino a malincuore – memori del loro passato di allievi – che i genitori sono sostenuti dal sentire comune, dalla nuova legge morale e da quella civile. Bisogna assecondarli. La scuola, oltretutto, è a pagamento e i genitori pagano. Naturalmente è un pochettino complicato educare un corpo ai movimenti senza toccarlo, specie se si tratta di piccoli allievi il cui pensiero astratto non è ancora così sofisticato: di solito accompagnare il concetto espresso a voce con l’esempio pratico aiuta.

Non solo coi bambini, ma andiamo avanti. Come fare? Finalmente, dopo lunghe e reiterate riunioni, s’avanza l’ipotesi del bastone. Certo la parola potrebbe evocare punizioni corporali: diciamo un giunco, suggerisce qualcuno. Perfetto, giunco sia. Quindi ora siamo a questo: entrare in trattativa con la comunità dei genitori nella speranza che il giunco sia di loro gradimento.

Altrimenti niente, si andrà a parole. Mi sono ricordata di quella volta che, una decina di anni fa, un amico musicista che lavora in una importante orchestra giovanile americana aveva raccontato, assai afflitto, che il professore di violino (straordinario docente) era stato allontanato dall’orchestra, diciamo pure licenziato, per aver «reiteratamente e prolungatamente toccato il braccio e la parte posteriore del busto di un’allieva».

Di tutte e tutti gli allievi, si suppone, nell’atto di impostare l’altezza del gomito rispetto alla posizione dell’archetto. Ma una aveva denunciato, e dunque via, maestro a casa. Certo, l’America: si disse fra noi. Che esagerazione, che rigidità, che inversione di senso. Che rigidi bacchettoni, si disse anche – c’era un po’ quel pregiudizio, sugli americani di provincia.

Qui invece siamo a Parigi, in Europa, dieci anni dopo. Siamo al giunco. Una importante e celebre polemista femminista, senza il minimo dubbio di sinistra, sostiene la libertà delle donne islamiche di non portare il velo. Attenzione: non. Di portarlo, liberissime, e di non portarlo, altrettanto libere.

La sinistra politica la accusa di islamofobia, in una torsione del ragionamento che non mi attardo a descrivere qui, un doppio carpiato che confonde mi pare la libertà di non portare il velo con l’invito a non farlo, ma appunto non entrerei nel dettaglio. La accusano di essere di destra, di essersi venduta.

Vive in un quartiere multietnico in cui la sinistra ha incredibilmente vinto le elezioni, una enclave. Per queste due ragioni le forze dell’ordine l’hanno messa sotto scorta.

Non può uscire di casa se non accompagnata, le ha spiegato una consigliera municipale appunto di sinistra da cui la celebre femminista è andata a protestare. Rischierebbe di essere aggredita, le ha risposto la politica. Del resto deve aspettarselo, ha aggiunto severa, dato che lei è islamofoba. Dalla Caporetto di una sinistra possibile per oggi è tutto.
CONTINUA A LEGGERE SU TAROCCHI GRATIS

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna in alto