TAROCCHI GRATIS AL366-4586448 ANCHE IN CHAT DI WHATSAPP E TELEGRAM 📧 INFO@TAROCCHIGRATIS.INFO CARTOMANZIA GRATIS AL366-4586448 Home » VIDEO CHOC E MINACCE DI MORTE » VIDEO CHOC E MINACCE DI MORTE

VIDEO CHOC E MINACCE DI MORTE

TAROCCHI GRATIS NEWSA dicembre, Su Yutong ha cambiato casa. Sul citofono c’è solo un codice. Dopo anni di minacce, la giornalista cinese aveva cominciato a ricevere strane visite. Sconosciuti che chiedevano insistentemente di una «donna asiatica », che volevano salire. Finché Yutong non ha capito che la sua foto era apparsa su un sito tedesco di annunci porno, con l’indirizzo di casa e la promessa di un rapporto orale per 100 euro. «Ma è solo un episodio tra tanti» dice a Repubblica , mentre sorseggia lentamente un bicchiere d’acqua.

Il suo caso fa venire dubbi su quanto siano al sicuro i dissidenti in Europa. Da anni la Cina o la Russia hanno allungato i loro tentacoli in Occidente, terrorizzano gli oppositori a migliaia di chilometri da casa.Su Yutong da tredici anni, da quando ha trovato rifugio in Germania dopo aver pubblicato in Cina un libro proibito. Da allora i suoi genitori a Pechino ricevono regolarmente visite dalla polizia che li informa che sua figlia «è anticinese ». Ma negli ultimi anni, in coincidenza con la stretta autoritaria impressa da Xi Jinping alla Repubblica popolare, l’intensità della repressione è aumentata. Ora la polizia è andata a trovare anche suo fratello e i cugini. E in Germania Yutong è oggetto di incessanti azioni destabilizzanti e intimidazioni.

Le minacce che le arrivano fanno accapponare la pelle. Yutong allunga il suo telefono, mostra il suo account telegram. Un anonimo le ha scritto «ti ammazzo» e le ha mandato un video di un uomo che viene decapitato. «Persino la polizia non è riuscito a guardarlo tutto», racconta. Yutong si agita ancora ogni volta, ha gli occhi pieni di lacrime. E c’è anche chi la minaccia senza alcun timore di identificarsi. Un certo Kenan Zhu si vanta di conoscere molti politici tedeschi. E le ha anche mandato un fotomontaggio in cui si vede Yutang nuda. «È una foto che era già apparsa su alcuni siti molti anni fa». Basta un giro su Twitter per avere un’idea dello stress cui è sottoposta la giornalista di Radio Free Asia: «puttana », «stronza», «cagna» i commenti più frequenti.

Yutong si impegna da sempre per i diritti delle minoranze, per Hong Kong, per la verità su Tienanmen, ma in Cina i principali social media hanno cancellato ogni traccia della sua identità. Nel 2014, Yutong è finita sul New York Times . Da quando era arrivata in Germania, aveva lavorato per l’emittente radiotelevisiva pubblica Deutsche Welle , un colosso da 1.500 giornalisti provenienti da 60 Paesi. Era una delle commentatrici più lette. «Quando cambiò il direttore, ci disse che aveva incontrato l’ambasciatore e che dovevamo essere meno duri sulla Cina», ricorda. Nel giorno della commemorazione del massacro di Tienanmen, un commento invitò i lettori a considerare il massacro un ‘una tantum’ nella storia cinese. La comunità degli oppositori e dissidenti insorse. E Yutong rese pubbliche le discussioni della redazione. Fu cacciata su due piedi. «In Germania ci sono troppi interessi economici con Pechino. Dopo l’episodio della Deutsche Welle , qualcuno mi ha persino offerto dei soldi per stare zitta. Ma io non lo farò mai».CONTINUA A LEGGERE SU TAROCCHI GRATIS

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna in alto