TAROCCHI GRATIS AL366-4586448 ANCHE IN CHAT DI WHATSAPP E TELEGRAM 📧 INFO@TAROCCHIGRATIS.INFO CARTOMANZIA GRATIS AL366-4586448 Home » GUALTIERI E IL COMUNE DI ROMA DENUNCIATI PER INTERRUZIONE DI PUBBLICO SERVIZIO » GUALTIERI E IL COMUNE DI ROMA DENUNCIATI PER INTERRUZIONE DI PUBBLICO SERVIZIO

GUALTIERI E IL COMUNE DI ROMA DENUNCIATI PER INTERRUZIONE DI PUBBLICO SERVIZIO

TAROCCHI GRATIS NEWS
Torpignattara. Ma anche Tiburtino e l’Esquilino e Tor de’ Cenci, Spinaceto, Tre Pini e Castel di Decima. Roma. Il caos sui rifiuti e i quartieri delle periferie che si “ribellano” al Campidoglio, che non ci stanno più, che ne hanno le tasche (anzi, i cassonetti) pieni, che bussano in procura. Sui social è Sabrina Ferilli che si lamenta: «Non mi avvicino ai cassonetti perché rischio di essere morsa da animali vari». In procura sono le associazioni dei cittadini, i comitati di municipio, che si presentano, compatti, spesso rappresentati da un avvocato, coi documenti in mano perché adesso basta, così non si va avanti.

L’ultimo caso è a Torpignattara, zona est, poco più giù di San Lorenzo. I residenti presentano una denuncia formale per interruzione di pubblico servizio contro il Comune di Roberto Gualtieri (Pd) e contro Ama (la società partecipata del Campidoglio che gestisce la raccolta dei rifiuti in città). Di segnalazioni, sul dossier che consegnano al pm Rosalia Affinito, ne hanno a centinaia: avvistamenti di topi, blatte, sporcizia e puzza ovunque. Il legale Silvia Ronchetti invia una lettera, protocollata, al Municipio, nella quale si sollevano «nuove, reiterate, gravi carenze igienico-sanitarie».

Nei giorni scorsi i quartieri di Spinaceto e Tor de’ Cenci fanno arrivare sulla scrivania del sindaco Gualtieri, dell’assessore all’Ambiente Sabrina Alfonsi, del direttore della Asl di Roma 2 e del direttore generale di Ama Alessandro Filippi una diffida. Stesso copione, stessa indignazione, stesso allarme. A metà luglio l’associazione Cittadinanzattiva Lazio deposita un esposto in procura per la mancata raccolta dei rifiuti: nella lente d’ingrandimento ci sono il quartiere Tiburtino, il Labaro e l’Esquilino. I romani «si trovano a dover assistere inermi alle carenze di un servizio che potrebbe mettere a rischio in primis la loro salute», si legge sul documento.

Ed è vero perché è una matassa che non ha fine: il nodo dei mezzi, i camion che non ci sono e tocca noleggiarli però per farlo servono circa quattro milioni e 143mila euro; la metropoli che si riempie di vacanzieri per le ferie, come se non bastasse l’ordinario; un organico nel personale che è aumentato di recente però è ancora insufficiente. E loro lì, i romani, stretti nella morsa, che provano l’ultima carta, quella della procura. Hai visto mai che, finalmente, funzioni.
CONTINUA A LEGGERE SU TAROCCHI GRATIS

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna in alto